Consigli Utili

Come scegliere il top della cucina ideale per la tua casa?

Abbiamo parlato tante volte del piano cucina, per confrontare le cucine con il top in quarzo a quello con il top in marmo o in granito, per scoprire come lavarlo. Questa volta, ci vogliamo concentrare su qualcosa di più basilare: come si sceglie il piano?

È meglio scegliere il granito per il top della cucina, andare sul marmo, puntare addirittura su acciaio o vetro?

Non c’è una risposta valida in assoluto.

La scelta del top della cucina dipende in buona parte da due cose: come lo userai e com’è fatta la tua cucina. A seconda di come sei abituato a muoverti tra i fornelli, potresti aver bisogno di un top più resistente al calore o di un top più facile da igienizzare. Senza poi contare l’aspetto estetico del piano, che si deve comunque sposare con il resto dei mobili.

 

Come userai il piano cucina

Ciascun materiale ha i propri pregi e i propri difetti, che vanno pesati in base alle tue esigenze particolari.

Prima di orientarti su un top in marmo o su un top per cucine in quarzo, devi quindi considerare quanto e come usi la cucina. Se non sei mai a casa e cucini poco o niente, ti basterà qualcosa di economico e tutto sommato poco resistente. Se invece la cucina è un ambiente importante, ti servirà un piano robusto.

Quanto “stressi” il piano della cucina? Sei abituato a prendere la pasta frolla a colpi di mattarello? Prepari abitualmente la tartare, battendo la carne a lama di coltello? Anche usando un tagliere, operazioni del genere tendono a rovinare il piano.

Dopo qualche anno, un piano in laminato avrà una zona resa molto più chiara dall’usura. In casi del genere, conviene quindi orientarti su un top per cucine in quarzo o in granito.

Altra cosa da considerare è il tuo rapporto con le pentole calde. Tenere una padella incandescente sul piano cucina è sempre una pessima idea. Ciononostante, ci sono materiali che tollerano la cosa meglio e più a lungo.

Se cerchi un materiale a prova di pentola calda, il granito è il migliore per il top della cucina. In ogni caso, non lasciare la pentola calda sul piano per più di un minuto, tempo di prendere un sottopentola.

 

Qual è il design della cucina

Una volta presi in esame gli aspetti funzionali, puoi passare a quelli estetici.

Ci sono materiali che vanno sempre bene, da questo punto di vista. Considerando quanti sono i tipi di marmo per il piano cucina, è quasi impossibile non trovarne uno che si sposi con il contesto. Inoltre, puoi integrare il top con dei lavandini anch’essi in marmo concepiti per la cucina. Il marmo è però un materiale pregiato e costoso. Ci sono alternative di qualità ma più economiche?

Se desideri orientarti su un materiale al 100% naturale, puoi optare per il granito. Il granito per il top della cucina è anch’esso disponibile in diversi colori, dal bianco al nero assoluto.

La sua texture si sposa in particolare con le cucine in legno, dal taglio un po’ classico. Se cerchi invece un materiale dal gusto minimale, meglio orientarti sul marmo, l’acciaio o il vetro. Considera però che sia l’acciaio sia il vetro sono difficili da pulire e meno resistenti delle pietre.

Un top per cucine in quarzo è un buon compromesso tra estetica, prezzo e comodità.

  • Pur non essendo lussuoso come il marmo, è disponibile in una vasta gamma di colori.
  • Sta bene in cucine classiche e moderne.
  • È facile da lavare, al contrario di acciaio e vetro.

 

Pro e contro del top cucina in quarzo

I top per cucine in quarzo sono forse la scelta più sicura, se cerchi qualcosa di bello e sei un po’ stretto col budget.

I piani in questo materiale sono più resistenti e durevoli dei piani in laminato, che si rovinano fin troppo facilmente. Costano meno dei gran parte dei tipi di marmo per il piano cucina, benché questo resti il materiale principe. Infine, il quarzo è una scelta più versatile rispetto al granito per il top delle cucine.

Nonostante tutto questo, bisogna considerare pro e contro di un top cucina in quarzo.

I pregi del materiale sono:

  • facilità nel lavaggio, anche solo con acqua e sapone;
  • uniformità del materiale;
  • resistenza agli urti e alle abrasioni;
  • impermeabilità.

Di contro, il quarzo è meno resistente al calore del granito o del marmo.

Da un punto di vista funzionale non teme le pentole calde, ma il fondo caldo può lasciare un segno piuttosto evidente. Il quarzo è anche un materiale sensibile agli acidi: succo di limone e aceto lo possono macchiare in modo permanente.

 

Navoni Marmi: marmo, quarzo e granito per il top della tua cucina

La nostra azienda tratta una vasta gamma di tipi di marmo per il piano cucina, per chi desidera portare un po’ di lusso tra i fornelli. Proponiamo però anche altri tipi di pietre, ugualmente degni di attenzione.

Presso il nostro spazio espositivo a Cernusco sul Naviglio (MI) troverai anche top per la cucina in quarzo, nonché tanti tipi di granito per il top della cucina. Inoltre, siamo disponibili per realizzare anche lavelli in marmo, trattati per resistere all’umidità.

Per ricevere ulteriori informazioni su prodotti e servizi, contatta Navoni Marmi.