Consigli Utili

Come pulire pietra naturale, lavica e porfido

Sempre più persone scelgono di arredare con la pietra, utilizzando questo materiale per interni ed esterni. Pietra naturale, lavica e porfido si usano per pavimenti e superfici verticali. Le puoi sfruttare per terrazzini e giardini, per muri esterni e interni. Data la robustezza del materiale, questo tipo di rifiniture sono destinate a durare nel tempo. Affinché mantengano anche la loro bellezza, devi però fare un piccolo sforzo in più.

Nonostante possa resistere per secoli, la pietra ha bisogno di cure particolari. La sua composizione porosa ed assorbente la espone ai danni degli agenti atmosferici. Lo smog e il sole battente non ne compromettono la robustezza, ma possono rovinarne l’aspetto. Devi quindi arrenderti all’idea di avere pietre opache o macchiate? Assolutamente no: devi solo pulirle nel modo giusto.

Come pulire la pietra serena

La pietra serena è un’arenaria composta da sedimenti argillo-organogeni, in gran parte quarzo. Il suo colore grigio si sposa soprattutto con le finiture interne, come pavimenti o camini. Di tanto in tanto la puoi trovare anche in finiture esterne, però, come scale e capitelli.

I sedimenti argillosi la rendono molto porosa e, di conseguenza, anche facile da macchiare. Se non la tratti in maniera adeguata o la pulisci in modo sbagliato, rischi quindi di rovinarla. Per fortuna per evitare gran parte dei problemi ti basta seguire questi passi.

  1. Passa bene un panno o una scopa di setola, così da togliere tutta la polvere accumulata. Questo passaggio è importante per evitare che i residui si impastino sopra la superficie.
  2. Mischia 2 litri di acqua tiepida e 2 cucchiai di bicarbonato di sodio. In alternativa usa un detergente specifico per superfici pregiate.
  3. Strofina la superficie con una spugnetta.
  4. Rimuovi la schiuma sporca con carta assorbente.
  5. Ripeti finché la schiuma non risulta bianca.

Come pulire le scale in pietra serena

Il procedimento per pulire le scale in pietra serena è utile anche se stai cercando come pulire il marmo delle scale. In entrambi i casi, ti trovi di fronte a un materiale robusto ma allo stesso tempo delicato. Che le tue scale siano in pietra serena o in marmo, devi evitare tutti i prodotti acidi e l’alcool denaturato. Rischi infatti di corrodere la pietra e di rovinarla in maniera irreparabile. Piuttosto, punta sempre su prodotti delicati e neutri usando questa mistura:

  • 2 litri di acqua tiepida;
  • 10 grammi di sapone di Marsiglia;
  • 2 cucchiai di bicarbonato.

Prima di lavare le scale, passa scopa e panno antistatico per rimuovere buona parte della polvere. Se stai pulendo finiture in marmo, evita le setole dure. Solo a questo punto lava le scale con la mistura di cui sopra e sciacquale con acqua pulita. In caso di macchie resistenti provocate da grassi, sono disponibili delle paste che le assorbono. Basta che tu le stenda sopra, le lasci agire e le rimuova spazzolandole con un po’ di acqua.

Come pulire la pietra lavica

La pietra lavica è un materiale sempre più usato nell’arredamento contemporaneo, specie per accessori e lavabi. Ciononostante, trova ampio spazio anche nei rivestimenti dei pavimenti e delle pareti. Attenzione, però: a dispetto delle apparenze, è una pietra delicata e facile da danneggiare.

Usa la stessa soluzione esposta nella parte su come pulire il marmo delle scale e la pietra serena: acqua, bicarbonato, sapone di Marsiglia. Allo stesso modo, evita qualsiasi prodotto molto acido o molto aggressivo. Rischi altrimenti di danneggiare il tuo lavabo o il tuo pavimenti in maniera definitiva. A questo punto, procedi come segue.

  1. Spolvera la pietra lavica con un panno in microfibra delicato. Evita le scope, specie quelle con setole dure: rischieresti di graffiare la pietra.
  2. Immergi un panno pulito e morbido nella mistura, dopodiché strizzalo bene. Il panno gocciolante rischia di lasciare macchie di umidità sulla superficie.
  3. Dopo aver lavato il pavimento, lascialo asciugare in maniera naturale. Anche in questo caso, serve per evitare la formazione di macchie di umidità.
  4. Lucida la pietra lavica circa una volta al mese. Puoi aiutarti con una lucidatrice, a patto che tu abbia montato dischi rotanti soffici. Evita la cera: rischi la pietra la assorba e si macchi.

Come vedi, il processo è simile a quello usato se stai cercando come pulire il marmo dei davanzali. Rispetto al marmo, la pietra lavica richiede però un po’ di attenzione in più.

Come pulire il porfido

Il porfido è una pietra di origine vulcanica composta da cristalli misti di silice. Al contrario delle altre due pietre, ha un basso assorbimento di liquidi. Di conseguenza, lo si utilizza soprattutto per le finiture esterne di terrazzi e balconi. Nonostante questo, devi sempre stare attento alla polvere, che potrebbe infilarsi negli interstizi della pietra e toglierle lucentezza.

Prima di lavare il pavimento, passa una scopa di setola per eliminare tutte le tracce di sporcizia. Se hai a disposizione un compressore, usalo per togliere la polvere rimanente, stando attendo anche agli angoli. Altrimenti, usa una scopa e pomice in polvere, insistendo sulle macchie più dure. Per finire, passa tutto con un detergente delicato e lascia asciugare.

Come togliere le macchie di calcare dal marmo e dal porfido? Entrambi i materiali sono molto usati per i davanzali, il che li espone al problema. I due procedimenti sono però abbastanza diversi. Se da una parte il porfido tollera anche prodotti aggressivi, dall’altra il marmo è molto più delicato. Per eliminare il calcare dal marmo devi quindi usare bicarbonato e sapone di Marsiglia, stando ben lontano dai classici anticalcare.

Pietra serena, lavica o porfido? Navoni Marmi!

Navoni Marmi ti offre una ricca selezione di marmi e pietre naturali, utilizzabili per interni ed esterni. Per saperne di più sui nostri prodotti e la loro manutenzione, contattaci. Ti aspettiamo anche presso lo spazio espositivo di Cernusco sul Naviglio (MI).